Lapidi in pietra o marmo? Cosa dovrebbe scegliere un marmista?

Apr 20, 2018 | Architettura Funeraria

La lavorazione delle pietre naturali è forse uno dei mestieri più antichi della storia. Chi svolge questo lavoro, oltre che alla maestria e alla manualità che permette di realizzare opere uniche, deve avere la capacità di scelta della materia prima. Non tutte le pietre sono uguali ed in base allo scopo ed alla destinazione è preferibile optare per una tipologia piuttosto che un’altra. Nel caso della progettazione di lapidi, sculture cimiteriali, incisioni, copritomba, ecc, la scelta non è mai semplice. Se è vero che i materiali a disposizione di marmisti e architetti non mancano, è anche vero che non sempre è facile seguire le idee del cliente e trovare il modo migliore per onorare la memoria della persona che ci ha appena lasciato o progettare una sepoltura all’altezza delle aspettative di chi l’ha commissionata. Nell’indecisione tra lapidi in pietra o marmo, diventa essenziale imparare a scegliere i materiali migliori per tombe in pietra che possano resistere al trascorrere del tempo, senza deludere le aspettative.
lapidi in pietra o marmo

Lapidi in pietra o marmo? alla scoperta dei diversi materiali

Se si pensa ai diversi modelli di lapidi, la mente non può non andare ai classici arredi funerari che è possibile ammirare in ogni cimitero: blocchi di marmo lavorati a mano diventano l’ultima dimora dei cari estinti e possono dimostrare al mondo l’affetto provato per la persona defunta. Eppure, non tutti i materiali per la realizzazione di lapidi sono uguali: si spazia dal lastrico al gres, passando per il granito e i materiali più versatili, come le pietre naturali, adatti a realizzazioni differenti e pensate per un pubblico tanto esigente quanto elegante.

 

Lapidi moderne per ricordare i propri cari con eleganza

  • Lapidi in lastrico: sebbene sia uno dei materiali più utilizzati, il lastrico è uno dei composti meno resistenti alle intemperie: ciò è dovuto all’alta presenza di acqua, utilizzata per impastare gli scarti di marmo o granito con il cemento e creare lapidi economiche ed estremamente semplici.
  • Lapidi in Granito: una delle scelte più apprezzate è il granito, utilizzato sia per la sua finitura luminosa che per la sua alta capacità di resistere al trascorrere del tempo, il che lo rende adatto sia per le tombe di famiglia che per le lapidi in esterni.
  • Lapidi in Gres: Il gres, dal canto suo, è il materiale più costoso e più difficile da mantenere, in quanto richiede una manutenzione costante che regala però un effetto incredibilmente elegante.
  • Pietre naturali: generalmente più economiche rispetto agli altri materiali, sono affascinanti ed uniche. Ogni pietra non sarà mai uguale all’altra. Con il tempo la pietra si modifica senza perdere la sua bellezza, molte di loro è proprio grazie al trascorrere del tempo che raggiungono il pieno fascino.
lapidi in pietra o marmo

La lapide in pietra: economicità e durevolezza in un connubio perfetto

Tra le pietre più apprezzate spicca il peperino. Si tratta di una pietra naturale ricavata dalla sedimentazione di materiali eruttivi e già conosciuta nell’antichità per la sua capacità di resistere nel tempo. Inoltre, il peperino è particolarmente apprezzato perché duttile e adatto alla lavorazione di piccole sculture. Diffuso nella zona della Tuscia, oggi il peperino è un materiale richiesto in tutta Italia e nel mondo per le sue proprietà.

Un marmista, quindi, indeciso tra lapidi in pietra o marmo, potrebbe optare per un materiale tradizionale o lasciarsi tentare dalla qualità della pietra naturale per dar sfogo alla propria immaginazione e creare pezzi unici davvero sorprendenti, adatti a ricordare una persona cara con eleganza e semplicità.